Tutto sulle NFT

Gli NFT sono un nuovo tipo di file, criptato in modo tale che la versione originale può essere riconosciuta dalle molte copie che si possono trovare su Internet. Gli NFT permettono di vendere una vasta gamma di opere digitali, da un semplice tweet a dipinti digitali molto elaborati. Tuttavia, gli NFT non sono ancora ben compresi, ed è quindi necessario essere consapevoli di come funzionano, interessandosi alla blockchain e alle criptovalute.

Cos'è un NFT?

Breve definizione lessicale

Dietro l'acronimo "NFT" si nasconde il termine "Non fungible token". Tuttavia, il concetto di fungibilità non è ben conosciuto e deve essere compreso per capire come funzionano le NFT. Quando parliamo di elementi non fungibili, stiamo descrivendo elementi, in questo caso presentati come token digitali, che non possono essere sostituiti da qualcos'altro. Gli NFT sono spesso indicati in relazione alle opere d'arte, anche se questo può descrivere qualsiasi tipo di file digitale. In termini semplici, possedere un NFT è come possedere un originale di Leonardo da Vinci o Picasso per esempio. Si può disegnare uno schizzo digitale, o scattare una foto che diventerà un famoso meme, ma una volta che questi file sono messi su Internet, chiunque può salvarne una copia, proprio come si potrebbe riprodurre alla perfezione un quadro di Picasso. Proteggendo il tuo file, facendolo autenticare come NFT, solo una persona potrà possedere l'originale, che sarà riconoscibile grazie a una crittografia generata dalla blockchain. Il titolare del NFT può quindi provare l'autenticità dell'opera e darle un valore di mercato, come si farebbe con un quadro tradizionale.

Una storia di blockchain

Blockchain è una tecnologia che permette la memorizzazione e il trasferimento di dati in una rete decentralizzata. Permette di memorizzare in blocchi tutti i dettagli delle transazioni effettuate, senza la possibilità di modificare il blocco precedente, e questo, su diverse reti allo stesso tempo. Per capire il funzionamento decentralizzato della blockchain, è necessario immaginare che i dati nella blockchain siano registrati in modo identico su un gran numero di server. Ogni azione compiuta da un utente si aggiunge alla catena di informazioni, e la modifica delle informazioni già presenti nella catena diventa impossibile senza un'immensa potenza di calcolo, e quindi un'immensa energia, poiché deve essere modificata in modo identico su tutti i server allo stesso tempo per non essere rilevata. Così, un gran numero di transazioni sono registrate e protette, poiché la decentralizzazione non permette agli hacker di fare cambiamenti su tutti i server allo stesso tempo. Questo ha diversi vantaggi. La tracciabilità delle informazioni è molto più efficiente, dato che non possono essere modificate, la convalida delle transazioni non richiede l'uso di intermediari per essere sicura, come nel caso delle istituzioni finanziarie tradizionali, e infatti l'assenza di questo intermediario permette l'anonimato delle transazioni, dato che non è più necessario dichiarare l'identità per poterle effettuare. Ad oggi, questo sistema è uno dei più affidabili, poiché nessuno ha le risorse elettriche e la potenza di calcolo per rompere la blockchain. Per questo motivo, molti beni digitali, come i NFT, o moneta virtuale, la utilizzano per condurre migliaia di transazioni in modo sicuro. Bitcoin, che utilizza la tecnologia finanziaria della blockchain, è stato un precursore nell'economia virtuale, e oggi rappresenta una delle catene più sviluppate, se non la catena, in termini di numero totale di transazioni effettuate in modo decentralizzato. Questo processo è stato adottato massicciamente come mezzo di pagamento nell'arte, ma anche nelle transazioni quotidiane, nel commercio elettronico, nelle speculazioni di borsa, e sempre più in ogni sorta di applicazioni, dal trasporto di merci per una migliore gestione della tracciabilità dei prodotti, passando per il trasporto di privati per un migliore flusso di informazioni in diversi luoghi grazie alla velocità delle transazioni e delle informazioni, o nel servizio pubblico o nell'industria delle assicurazioni per una gestione sicura dei database, per esempio.

Qual è la differenza tra NFT e criptovalute?

aPrima di tutto, gli NFT e le criptovalute hanno alcune cose in comune. Questi tipi di beni sono facili da acquistare, e il modo in cui i dati vengono memorizzati funziona in modo simile. Per entrambi, la tecnica dietro di loro è il sistema blockchain, quindi che si tratti di una moneta virtuale o di un NFT, la natura decentralizzata del sistema permette transazioni veloci e sicure, senza passare attraverso un intermediario. Ma le somiglianze finiscono qui. La grande differenza è se i prodotti sono fungibili o meno. Il denaro elettronico non è unico, e se prendiamo l'esempio del bitcoin, un'unità può essere sostituita da un'altra, proprio come un dollaro potrebbe essere sostituito da un altro dollaro. Inoltre, poiché il denaro virtuale è fungibile, il prezzo del bitcoin, per esempio, è soggetto alla volatilità della valuta. Comprare bitcoin, venderli contro valute standard, o minarli contribuendo a creare una potenza di calcolo attraverso un software specifico (grazie al sistema proof-of-work), fa sì che il valore del bitcoin vari fino al doppio in pochi giorni. Questo si vede regolarmente nell'aumento costante del prezzo del bitcoin, che non è soggetto a nessuna banca centrale o altra istituzione, a differenza delle valute tradizionali. Le transazioni che coinvolgono tutte le valute virtuali attualmente sul mercato hanno l'effetto di destabilizzarle enormemente, senza alcuna regolamentazione possibile.

Per le NFT, è molto diverso. Sono per definizione non fungibili. Ogni unità è unica, e il suo valore dipende dal valore attribuitogli dal mercato dell'arte, per esempio, così come dalla fama dell'opera e dell'artista, e non dalle fluttuazioni economiche che possono subire le criptovalute. Le transazioni convalidate sono protette da un codice crittografico, derivato dalla blockchain, che prova l'autenticità del lavoro, e che conferma la tracciabilità degli scambi per chi esegue le transazioni. Le NFT possono essere paragonate all'arte classica, poiché le copie non hanno alcun impatto sul valore dell'originale. Gli NFT possono essere acquistati con uno dei suoi portafogli virtuali costituiti da una criptovaluta, ma anche in dollari, la natura non fondente dell'NFT dandogli un valore basato sulla cosa reale.

Come abbiamo visto, gli NFT permettono di rendere un oggetto digitale non fungibile allegando una prova di autenticità basata sulla tecnologia blockchain. Un investitore che desidera acquistare un NFT dovrà di solito passare attraverso un rivenditore, come qualsiasi altro oggetto, attraverso siti di acquisto specializzati. Queste piattaforme Internet permettono di effettuare transazioni private, collegando il venditore e l'acquirente. Queste transazioni finanziarie avvengono quindi in modo decentralizzato, ed entrambe le parti dovranno utilizzare mezzi di pagamento digitali, tramite un portafoglio virtuale, molto spesso fornito di criptovalute, per poter effettuare i loro acquisti. Ma sempre più spesso, il mezzo utilizzato per acquistare un bene digitale come un NFT è attraverso la valuta tradizionale, con questi che appaiono regolarmente su case d'asta, e siti più convenzionali. In tutti i casi, sia attraverso un portafoglio digitale con valute digitali, come bitcoin o ether, tra gli altri, o attraverso valute standard, come l'euro o il dollaro USA, la convalida di una transazione NFT richiede una tassa di transazione a causa del coinvolgimento della blockchain in essa.

NFT in arte

NFT, un nuovo modo di consumare l'arte

Per molto tempo, la vendita d'arte, specialmente per le opere singole originali, è stata esclusa dalle previsioni degli esperti in sviluppo digitale. Il modo di comprare l'arte era regolato dall'unicità della produzione, e ottenere uno doveva passare attraverso una casa d'asta o una galleria tradizionale. Con l'avvento della tecnologia blockchain, il modo in cui l'arte viene consumata potrebbe cambiare radicalmente, poiché le opere d'arte digitali possono essere riconosciute attraverso una crittografia quasi invincibile, con la storia delle vendite incorporata in essa. Sono così nate numerose piattaforme di scambio NFT, che permettono transazioni più veloci, direttamente tra l'acquirente e il venditore grazie alle criptovalute, e anche prestigiose case d'asta si sono buttate nella mischia offrendo agli acquirenti la possibilità di acquistare un quadro digitale, una foto digitale, un meme, un tweet, o altri elementi informatici che possono essere considerati come opere a sé stanti, grazie alla loro notorietà su Internet. Sia attraverso interfacce digitali con le criptovalute, o attraverso un'infrastruttura più tradizionale con i contanti, questi tipi di transazioni stanno crescendo, e tutti gli artisti sono coinvolti, dai più famosi come Banksy ai nuovi arrivati come Beeple, la cui fama è aumentata con gli NFT. In ogni caso, gli NFT rappresentano oggi un terzo delle vendite d'arte online, o il 2% del mercato globale dell'arte, e questa cifra è destinata ad aumentare, dato che questa tecnologia dà impulso al mondo dell'arte grazie alla molteplicità delle opere offerte.

Proteggere e collegare le vostre opere con gli NFT

Ci sono diverse piattaforme per creare e mettere a disposizione degli acquirenti le NFT. I più noti sono SuperRare e Nifty Gateway per l'arte, o Open Sea e Rarible per qualsiasi tipo di NFT. La prima cosa da fare è creare un portafoglio collegato a una blockchain. Dovrete scegliere la vostra blockchain, la più presente per gli NFT è Ethereum, e una volta creato il vostro portafoglio digitale, aggiungere il denaro sotto forma di criptovaluta (qui ether per la blockchain ethereum). Una volta fatto, puoi passare alla parte divertente, la creazione della tua opera d'arte. Nel contesto della pittura digitale, è possibile, come Banksy che ha venduto una copia di una delle sue opere fisiche in formato NFT, disegnare tramite una tavoletta grafica il proprio disegno, ma conservarne una copia fisica. Una tavoletta grafica come la ISKN Repaper, che permette di disegnare su carta, con una trascrizione digitale dal vivo, è ideale per coloro che desiderano avere entrambi i formati, da vendere separatamente, o per tenere una registrazione fisica del loro disegno digitale. Una volta che il tuo lavoro è salvato sul tuo computer, tutto quello che devi fare è trasformarlo in un NFT attraverso la piattaforma dedicata. Anche se la piattaforma non fa sempre pagare una commissione per questa azione, sappiate che trasformare il vostro lavoro in un NFT sulla blockchain richiederà delle commissioni di transazione più o meno importanti a seconda del tasso della criptovaluta utilizzata. Inoltre, mentre la maggior parte delle piattaforme NFT sono basate sulla blockchain Ethereum, altri preferiscono rivolgersi ad altre blockchain, come Tezos, la cui criptovaluta collegata offre commissioni di transazione inferiori, e la cui impronta ecologica è meno significativa. Sta a voi decidere se volete che il vostro lavoro sia condiviso sulle grandi piattaforme che utilizzano la blockchain di Ethereum o su altre piattaforme meno costose, ma meno visibili. In ogni caso, quando il tuo file viene trasformato in un NFT, è automaticamente protetto dalla tecnologia blockchain, ed è riconoscibile tra tutte le possibili copie di esso. Tutto quello che devi fare è venderlo al miglior offerente sulle stesse piattaforme dedicate agli NFT.

Repaper
La semplicità di carta e penna, la potenza di una tavoletta grafica
Scoprire

Conclusione

Gli NFT operano in un mondo complesso di blockchain, criptovalute e piattaforme dedicate. Tuttavia, come abbiamo visto, creare un NFT è abbastanza semplice, e chiunque può entrare in questo mercato. Armati di una semplice tavoletta grafica, è possibile disegnare un'opera d'arte digitale e metterla sul mercato in pochi clic. Il mondo dell'arte non ha fatto errori, e gli NFT si stanno facendo strada anche nelle case d'asta tradizionali, permettendo a chiunque di comprare queste opere digitali e investire nel mondo dell'arte.

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi 10€ di buono regalo
Sconto valido a partire da 100€ di acquisto.