Modificare le foto con una tavoletta da disegno

Il fotoritocco è un'abitudine che tutti i fotografi hanno per offrire un'immagine luminosa e molto più piacevole alla vista di quella originale. Se è possibile fare queste modifiche con il mouse utilizzando un software di editing specializzato, l'uso di una tavoletta grafica renderà il tuo lavoro molto più preciso e veloce, e ti permetterà di ottenere un risultato raffinato e delicato per il tuo ritocco.

Perché usare una tavoletta grafica per il fotoritocco?

Con Instagram e la diffusione di software e applicazioni fotografiche che offrono l'uso di filtri già pronti, e correzioni di base che offrono di ridimensionare le immagini, gestire la luminosità e la nitidezza, così come modificare altri parametri al fine di correggere le immagini in modo globale, gli utenti potrebbero chiedersi che senso ha usare un software specifico e una tavoletta grafica per fare queste regolazioni. La ragione è molto semplice, i filtri e le opzioni dei software di base, come Photoshop Elements per esempio, possono essere adatti per un ritocco veloce, ma questa elaborazione fotografica rimane globale, e non permette di lavorare con precisione su ogni aspetto dell'immagine. Non appena si inizia a voler migliorare le proprie foto in modo più professionale, e per ottenere un risultato più elegante e notevole, è necessario essere in grado di eseguire numerose operazioni di editing specifiche per correggere l'immagine in modo dettagliato.

Qualcuno penserà che si tratta di manipolazione fotografica, o addirittura di fotomontaggio, ma non bisogna dimenticare che le foto "vintage" in bianco e nero, che in genere piacciono tanto, avevano anche una post-elaborazione e un ritocco manuale fatto in camera oscura. È quindi per mantenere questa precisione nell'edizione delle foto, che l'uso di una tavoletta grafica diventa interessante, per fare dei ritocchi e modificare le foto più rapidamente. Potrai puntare i punti importanti della fotografia con il tuo stilo, e correggere l'immagine, non in modo globale, ma selezionando ogni elemento indipendentemente dagli altri, per schiarire, scurire, o eseguire qualsiasi effetto avanzato, su un frammento dello scatto in particolare. Questo rende l'editing delle immagini più facile e veloce, e lavorare con lo stilo sembra molto più naturale che lavorare con un mouse o un trackpad. Per queste ragioni, i fotografi professionisti, così come i dilettanti esperti, non possono più fare a meno della loro tavoletta da disegno per l'elaborazione delle immagini.

Quale tavoletta grafica usare?

La tavoletta grafica è quindi uno strumento molto interessante per i fotografi per modificare una foto rapidamente, e in modo più intuitivo. Ma sono disponibili un gran numero di tavolette grafiche che utilizzano diverse tecnologie, e un'interfaccia utente diversa a seconda di ogni modello, e fare la giusta scelta del dispositivo grafico, in base al suo utilizzo, richiede di pensare attentamente al suo acquisto. Mentre le tavolette con schermi integrati possono essere interessanti e più intuitive da usare, spesso non sono adatte alla maggior parte degli utenti, poiché sono terribilmente costose. Tavolette più semplice, senza schermo, compatibile con la maggior parte dei computer, e con le migliori applicazioni di editing fotografico, sarà più adatto per i principianti o gli appassionati di fotografia. L'importante è optare per una tavoletta da disegno facile da usare e preferibilmente compatibile con Photoshop e la suite Adobe, in modo da non rimanere bloccati quando si sceglie il software di editing delle immagini. Avere alcuni pulsanti di scelta rapida sul dispositivo è anche importante, per avere un accesso rapido alle impostazioni e alle opzioni del software di uso frequente, e per rendere la tavoletta più facile da usare. Per coloro che vogliono più versatilità, per esempio per disegnare sull'immagine, per fare un poster, una tavoletta da disegno come la ISKN Repaper può essere interessante. Se questa propone una modalità senza schermo tradizionale, utilizzabile con una penna digitale, per ritoccare le sue foto, si può anche disegnare facilmente, su un foglio di carta apposto direttamente sulla tavoletta, e con la sua matita preferita, grazie all'anello magnetico, posto intorno a questa, ritrascrivendo i movimenti e l'inclinazione della sua penna. Questo ti permette di non essere disturbato dalla coordinazione occhio-mano tra la tavoletta e lo schermo del computer, a volte difficile su tavolette da disegno senza schermo standard. Si disegna qui, proprio come si farebbe su un blocco da disegno tradizionale.

Quale software di fotoritocco usare?

Molti software gratuiti e a pagamento sono disponibili oggi, sotto Windows o Mac OS X, e anche se usare un software di elaborazione delle immagini è essenziale oggi, ci si può perdere rapidamente tra questa abbondanza di scelta. Tuttavia, alcuni si distinguono dalla massa e sono favoriti da un gran numero di utenti. Tra i migliori software di fotoritocco, troviamo per esempio la suite Adobe Creative con i suoi software Adobe Photoshop e Adobe Lightroom. Se il primo è interessante per la sua versatilità e i suoi numerosi pennelli e opzioni, che possono essere utilizzati per il ritocco delle immagini così come per la grafica o l'illustrazione, il secondo è davvero specializzato nel ritocco fotografico, ed è regolarmente utilizzato dai professionisti. Inoltre, è facile trovare tutorial su Internet, e questi programmi sono compatibili con la maggior parte delle tavolette grafiche sul mercato. Per i principianti e i dilettanti che non vogliono investire in un software a pagamento, possono rivolgersi a Gimp, l'equivalente gratuito di Photoshop, o a Photofiltre, questo software fotografico facile da usare che permette di ritoccare le immagini con un software veramente specializzato, come si farebbe con Lightroom. Infine, coloro che preferiscono lavorare in movimento apprezzeranno un software di editing di immagini come Photoshop Express, essendo questa applicazione utilizzabile su iPad così come sui telefoni Android.

Alcuni consigli per il fotoritocco

Ritagliare l'immagine

Per attirare l'attenzione su un punto di interesse o per rifocalizzare la foto sull'elemento o soggetto principale, il ritaglio di una foto è talvolta importante per migliorare il risultato finale del tuo scatto. Modificare la foto e ritagliarla in questo modo è un modo interessante per migliorarla, rimuovendo rapidamente gli elementi indesiderati. Ridimensionare un'immagine può anche essere usato per rimuovere distorsioni o effetti di vignettatura che alcuni obiettivi (specialmente quelli che usano un grande zoom) causano nella fotografia.

Correggere l'esposizione e migliorare i colori

L'esposizione e la gestione dei colori sono spesso difficili da ottenere dal vivo per il fotografo, anche con un corretto bilanciamento del bianco, soprattutto quando si scatta in condizioni di scarsa luminosità. Fortunatamente, il software di elaborazione delle immagini può essere utilizzato per ritoccare e migliorare notevolmente una foto. Per fare questo, non è consigliabile utilizzare opzioni ed effetti predefiniti che si applicano all'intera foto. Invece, riproduci il livello della tua immagine, seleziona attentamente gli elementi la cui esposizione e il colore (tramite la saturazione, per esempio) devono essere modificati, e una volta che l'editing è fatto, infine unisci questi nuovi livelli con l'immagine principale, scegliendo la giusta modalità di fusione, per finire il tuo lavoro.

Rimuovere le imperfezioni

Una macchia antiestetica su un ritratto, un elemento poco attraente su un paesaggio, una pixellatura significativa... Può capitare regolarmente che un'imperfezione si infili nella tua foto. È allora possibile trattare l'immagine e aggiungere effetti per far sparire questi elementi sgradevoli che si desidera rimuovere. Esistono diverse tecniche. Se per i pixel, si può aggiungere un effetto foto sfocatura gaussiana (da usare con parsimonia), o semplicemente ridurre la tela per compensare una bassa risoluzione, per ridurre le imperfezioni, il timbro di duplicazione è una soluzione per fare un fotoritocco preciso e discreto. Applica poi questi effetti ad ogni elemento desiderato per dissiparlo o modificarlo.

Esporta il tuo file

Una volta terminato l'editing, puoi finalmente esportare la tua foto. Se il JPEG è il più usato, ed è molto efficace per condividere e integrare le tue foto su Internet, ha lo svantaggio di comprimere il tuo file e di perdere informazioni in esso. Questo si tradurrà in un deterioramento della tua fotografia di circa il 4-5% della sua qualità. Per evitare questo, puoi esportare il tuo file in formato RAW, che corrisponde al negativo digitale. Questa è la migliore qualità possibile per una fotografia. Tuttavia, il peso del file è estremamente pesante e, tranne che per un uso professionale, può essere complicato utilizzarlo in seguito. Infine, se vuoi modificare i tuoi file con la suite Adobe Creative, il formato PSD ti permette di mantenere la qualità, modificare e rimodellare le tue foto innumerevoli volte.

Errori da non fare

Il dilettante e il principiante hanno generalmente la cattiva abitudine di voler modificare troppo le loro foto. Questo di solito si traduce in un risultato distorto e spesso poco attraente. Voler rimuovere troppe imperfezioni o aggiungere troppa saturazione, per far risaltare i colori, porterà un tocco innaturale e indesiderabile al tuo scatto. Dall'effetto "pelle di bambola" a quello degli occhi che rasentano un colore fluorescente, ricordate che l'elaborazione dell'immagine deve essere fatta con finezza per evitare questo tipo di inconvenienti. Allo stesso modo, evitate i filtri preconfezionati ed evitate di usare sempre gli stessi effetti. Ogni foto è unica e deve essere modificata individualmente.

Modificare non significa barare

Modificare le tue foto è diventato facile con l'attrezzatura giusta. La tavoletta grafica può essere di grande aiuto, soprattutto per un editing discreto, senza cambiare l'aspetto della tua foto. Così, non imbrogliate nessuno, e mantenete l'autenticità della vostra foto, pur rendendola più attraente per l'occhio. Non ti resta che praticare e imparare le tecniche di fotoritocco.